OLIMPIADI INVERNALI DI MILANO CORTINA 2026

 

OLIMPIADI INVERNALI DI MILANO CORTINA 2026

L’Italia con Milano-Cortina si è aggiudicata i Giochi Olimpici e Paralimpici 2026

La notizia tanto attesa è arrivata: nella serata del 24 giugno 2019 a Losanna il Comitato Olimpico internazionale (Cio), nella figura del presidente Thomas Bach, ha annunciato che l’Italia con Milano e Cortina d’Ampezzo ospiteranno le Olimpiadi invernali 2026, vincendo con 47 voti a 34 dei membri del Comitato Olimpico Internazionale sulla candidatura svedese di Stoccolma-Are.

La proposta italiana è stata valutata la più affidabile e credibile.

Una notizia molto importante per l'Italia, che tornerà ad ospitare i Giochi invernali per la quarta volta, dopo Torino 2006, Roma 1960 e l'edizione di Cortina del 1956.

I Giochi Olimpici e Paralimpici si terranno dal 6 al 22 febbraio 2026

La cerimonia di apertura e quella di chiusura si svolgeranno allo stadio Meazza di Milano e all’Arena di Verona, mentre tutte le gare avranno luogo tra tra Lombardia, Veneto e Trentino-Alto Adige.

 
SWITZERLAND IOC SESSION CANDIDATES WINTER OLYMPICS 2026
 

Milano sarà il cuore dei Giochi: il Villaggio olimpico principale sorgerà nel quartiere Porta Romana della città, un nuovo PalaItalia verrà allestito a Rogoredo per il Pattinaggio di figura e lo Short track, mentre tutte le sfide di Hockey si svolgeranno tra il rinnovato PalaSharp di Lampugnano e un nuovo palazzetto costruito nel quartiere di Santa Giulia.

Ma non sarà solo Milano: la pista Stelvio, a Bormio, sarà sede delle gare di Sci alpino maschile, mentre le aree Mottolino, Sitas-Tagliede e Carosello 3000 a Livigno sono state scelte per le gare di Snowboard e Freestyle.

Livigno avrà un ruolo molto importante, perchè sarà la sede di un altro Villaggio Olimpico che sarà utilizzato dalla protezione civile e sarà poi riconvertito in centro di allenamento avanzato alla fine dei Giochi. 

A Santa Caterina sarà invece possibile assistere alle gare di Sci di fondo, mentre a Baselga di Piné, in provincia di Trento, verranno organizzate le gare di Pattinaggio di velocità.

L'Ice Rink, principale impianto in Italia per il pattinaggio di velocità, verrà dotato di una copertura (ora è all'aperto) e di circa 5.000 posti a sedere.

I giochi Olimpici “toccheranno” molte altre località: a Tesero, ci saranno le gare di Sci di fondo, a Predazzo il Salto con gli sci (Combinata nordica), a Anterselva, comune della provincia di Bolzano, si terranno le gare di Biathlon (maschile e femminile).

Anche Cortina avrà il suo Villaggio olimpico, che sarà allestito nella frazione di Fiames. Non solo: ospiterà lo Sci femminile sulla pista Olimpia delle Tofane, e quelle di Bob, Slittino e Skeleton, previste sulla storica pista olimpica Eugenio Monti. Lo Stadio Olimpico del ghiaccio verrà rinnovato per le gare di Curling.

Infine, all'Arena di Verona, ci sarà la cerimonia di chiusura. 

Olimpiadi-invernali-2026-poker-640x250.jpg

Dopo 20 anni le Olimpiadi Invernali tornano in Italia

Era il 2006 quando Torino ospitava gli ultimi giochi Olimpici e Paralimpici italiani. Un grande evento che ha visto i riflettori di tutto il Mondo puntati sull'Italia e che ha visto la BIEMMEDUE in prima linea come fornitore ufficiale per l’intero riscaldamento delle tensostrutture dislocate nei 20 siti olimpici di Torino.

 
2006.jpg
 

E’ stata una sfida importante per l’Azienda piemontese BIEMMEDUE, Leader Mondiale nel campo del riscaldamento professionale (linea Arcotherm), della pulizia industriale (linea Arcomat) e della deumidificazione (linea Arcodry), sia sul fronte tecnico che su quello organizzativo: con oltre 1000 generatori di aria calda in funzione, la produzione e l’installazione hanno impiegato quasi 8 mesi di duro lavoro, prove tecniche, test,…

 
DSCN0746.JPG
 

Oltre a questo, una delle fasi più importanti e delicate è stato il monitoraggio di ogni singola macchina installata, per garantire ad atleti e tecnici il migliore dei confort pre e post gara.

Grande prova quindi per i prodotti ARCOTHERM BM2, dedicati proprio al riscaldamento professionale, che si sono rivelati impeccabili in termini di funzionamento ed efficacia in un così grande ed importante evento. 

 
DSCN0744.JPG
 

BIEMMEDUE, in quella occasione, era stata anche sponsor ufficiale della nazionale italiana di Bob a due femminile ( gare culminate con la medaglia di bronzo con Gerda Weissensteiner e Jennifer Isacco).

Il rapporto tra l’azienda di Cherasco e lo sport è sempre stato un tema particolarmente sentito per l’amministratore delegato Marco Costamagna, che negli anni ha assunto diversi volti, dal bob allo sci, dal calcio alle gare automobilistiche.

 
CIMG1424.JPG
 

La storia delle olimpiadi si colora nuovamente di azzurro, anzi di verde, bianco e rosso!

Nell’attesa, riviviamo le emozioni BM2 del 2006